Lista di cose che ho davanti agli occhi

Tasti neri con lettere bianche, alcuni consumati, altri evitati come se fossero affilati. Una scatola di legno, un fermacarte che era di papa’, penne e matite. Una cartella di cuoio, trofeo di un mercatino che nemmeno ricordo, fogli sparsi e tre quaderni. Una foto di Francesco che guarda un altro spazio da un altro tempo, un barattolo del caffe’ vuoto, altre penne con parole mai usate. Un sacco di tela appeso al termosifone, una scatola di metallo sul davanzale, il vetro della finestra che copia con precisione l’interno della stanza, moltitudini di libri che sembrano lapidi allineate, santuario di parole che ho abbandonato da tempo. Una bottiglia quasi vuota, credo sia acqua, due blocchi per appunti, un quaderno molto vecchio, un gruppo di foto legate da un elastico. Un pennello ormai secco, corde per la chitarra, un biglietto d’aereo per la California datato 2004, una sveglia ferma alle dieci e quarantacinque, credo fosse un martedi. Uno zaino da sfare, molte cose da buttare. Tutto quello che raccolgo la notte, al mattino e’ gia’ dimenticato. Sara’ sorpresa per altre occasioni.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s