Lettera da un corridoio

Caro Francesco

ti scrivo dal corridoio in cui ci siamo salutati oggi, ingombro di scatole e ricordi. Da mesi queste pareti mi conoscono, da mesi devo finire di mettere in ordine. Da anni la mia vita attende una sorte analoga a questo corridoio, da anni cammino stando attento a non far crollare le cose intorno. La tua foto alla parete mi sorride, vicino al quadro dei miei studenti, quelli che tu hai imparato a conoscere dai miei racconti. La tua stanza adesso e’ vuota, come vuote saranno tra pochi giorni le aule, i banchi, le sedie. Periodicamente devo dire addio ai miei figli, questo adesso ho imparato. Cerca di dormire, tu che per eta’ puoi perdonarmi. Papa’.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s